Hochgeladen von Nutzer6744

FCFD17 5712a 01

Werbung
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S1
Apprendimento informale
1
Mappa concettuale del percorso didattico del
corso
Lezione 1.1
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S1
Apprendimento informale
1
Mappa concettuale del percorso didattico del corso.
Fram ew ork teorico
L’apprendimento
formale
L’apprendimento
adulto
L’apprendimento
non formale
L’apprendimento
incidentale
I modelli di
apprendimento
esperienziale
L’apprendimento
informale
L’apprendimento
esperienziale (*)
Le pratiche
riflessive
L’apprendimento
trasformativo
L’apprendimento
situato
Comunità di
pratica
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S1
Apprendimento informale
1
Mappa concettuale del percorso didattico del corso (segue)
Ricerca educativa e metodologie d’intervento
La ricerca
empirica
La ricerca
educativa
La costruzione di
una ricerca
qualitativa
L’intervista
qualitativa
Progettazione e
valutazione
Metodologie
attive di sviluppo
Programmazione
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S2
Apprendimento informale e incidentale
1
L'apprendimento adulto
I parte
Lezione 1.2
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S2
Apprendimento informale e incidentale
1
I contesti sociali dell’apprendimento adulto
L’apprendimento adulto non accade in un vuoto pneumatico.
I bisogni di conoscenza, la capacità di cogliere le opportunità disponibili
e le modalità attraverso cui si apprende sono dimensioni largamente
determinate dalla società.
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S2
Apprendimento informale e incidentale
1
I contesti sociali dell’apprendimento adulto (segue)
La globalizzazione e la tecnologia sono due forze che incidono sugli
accadimenti che attraversano il contesto in cui si vive e, quindi, influenzano
l’apprendimento adulto.
 La globalizzazione connette assetti economici, stili di vita, comportamenti di
consumo e appartenenze culturali.
 La tecnologia è parte integrante dell’economia globale, ha contribuito e
concorso a determinare il cambiamento verso una società della conoscenza.
Queste forze interagiscono tra di loro e sono incarnate nel sistema di valori
della cultura in cui si vive. L’educazione degli adulti riflette e risponde a tali
forze.
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S2
Apprendimento informale e incidentale
1
L’apprendimento in età adulta
L’apprendimento è il modo in cui l’adulto acquisisce, interpreta, organizza,
modifica o assimila gruppi d’informazioni, competenze e sentimenti tra loro
collegati e costruisce significati da attribuire alla vita quotidiana (Marsick V.,
1987).
L’apprendimento può limitarsi a un cambiamento specifico e circoscritto, o può
svolgersi in un arco temporale più lungo, può essere talvolta identificato
attraverso comportamenti misurabili, o può rappresentare una trasformazione
di un punto di vista interno che è difficile misurare quantitativamente.
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
L'apprendimento in età adulta
II parte
Lezione 1.3
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
L’apprendimento in età adulta
L’apprendimento è il modo in cui l’adulto acquisisce, interpreta, organizza,
modifica o assimila gruppi d’informazioni, competenze e sentimenti tra loro
collegati e costruisce significati da attribuire alla vita quotidiana (Marsick V.,
1987).
L’apprendimento può limitarsi a un cambiamento specifico e circoscritto, o può
svolgersi in un arco temporale più lungo, può essere talvolta identificato
attraverso comportamenti misurabili, o può rappresentare una trasformazione
di un punto di vista interno che è difficile misurare quantitativamente.
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
L’apprendimento formale
L’apprendimento formale è:
• promosso e riconosciuto istituzionalmente, avviene in aula ed è altamente
strutturato;
• svolto attraverso l’insegnamento sistematico da parte di docenti e l’uso di
manuali, esami e crediti (Knowles M, 1975).
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
L’apprendimento non formale
Il termine apprendimento non formale descrive le opportunità di
apprendimento che avvengono in setting organizzati al di fuori del sistema
educativo formale.
 Questi percorsi sono solitamente di breve durata, non richiedono il possesso
di prerequisiti, hanno un curriculum e un facilitatore.
 Le offerte di tali percorsi si muovono a livello locale e sono radicate nelle
tradizioni culturali delle comunità che li erogano, come per esempio i
programmi culturali offerti da musei, biblioteche, organizzazioni civili o
religiose.
 Gli stessi mass media possono essere considerati sistemi di apprendimento
non formale.
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
L’apprendimento informale
L’attenzione agli apprendimenti che gli adulti conseguono nei contesti di vita
reale e alle caratteristiche distintive di tale processo uniscono aree d’indagine
che, pur nella loro eterogeneità, differenziano l’educazione degli adulti da altre
discipline o da diverse forme di educazione che guardano all’adulto come
persona che apprende (Marsick V., Watkins K., 1990; Jarvis P., 2004).
Avvicinarsi al tema dell’apprendimento informale richiede, pertanto, di
enucleare un insieme di concetti interconnessi tra loro e, allo stesso tempo, non
utilizzabili in modo sinonimico, quali l’apprendimento incidentale (Marsick V.,
Watkins K., 1990, 1999), l’apprendimento autodiretto (Tough A., 1967; Knowles
M., 1975), la conoscenza tacita (Polanyi M., 1979; Nonaka I., Takeuchi H.,
1997), l’apprendimento trasformativo (Mezirow J., 1975, 1991, 2000),
l’apprendimento esperienziale (Kolb D., 1984; Jarvis P., 1987; Usher R., Bryan
I., Johnston R., 1997) e l’apprendimento situato (Lave J., Wenger E., 2006).
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
L’apprendimento informale
L’apprendimento informale è definibile con un processo che:
• avviene in contesti destrutturati, esperienziali e non istituzionali (Coombs P.,
1985; Marsick V., Watkins K., 1990);
• accade ovunque gli individui avvertano necessità, motivazioni e opportunità
di apprendimento.
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
Riferimenti bibliografici
Houle C. (1972), The design of education, San Francisco: Jossey-Bass.
Knowles M. (1984), The adult learner: A neglected species, III ed., Houston: Gulf.
Knowles M. (1980), The Modern Practice of Adult Education: From Pedagogy to
Andragogy, II ed., New York: Cambridge Books.
Knowles M. (1975), Self-Directed Learning, New York: Association Press.
Knowles M. (1968), Andragogy, not pedagogy, Adult Leadership, 16 (10), pp. 352-386.
Kolb D. A. (1984) Experiential Learning: Experience as the Source of Learning and
Development, Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall.
Marsick V. J., Watkins K. (1990), Informal and incidental learning in the workplace, New
York: Routledge.
Marsick V. J. (1987) (a cura di), Learning in Workplace, London: Croom Helm.
Mezirow J. (1991), Transformative Dimension of Adult Learning, San Francisco: JosseyBass (trad. it. 2003, Apprendimento e trasformazione. Il significato dell’esperienza e il
valore della riflessione nell’apprendimento degli adulti, Milano: Raffaello Cortina
Editore).
Corso di Laurea:
Insegnamento:
Lezione n°:
Titolo:
Attività n°:
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
1/S3
Apprendimento informale
1
Riferimenti bibliografici
Mezirow J. & Associates (1990), Fostering Critical Reflection in Adulthood: A Guide to
Transformative and Emancipatory Learning, San Francisco: Jossey-Bass.
Polanyi M. (1979), La conoscenza inespressa, trad. it. Roma: Armando.
Polanyi M. (1969), Conoscere ed essere, trad. it. Roma: Armando.
Tough A. (1971), The adult’s learning projects: A fresh approach to theory and practice in
adult learning, Toronto: Ontario Institute for Studies in Education.
Tough A. (1967), Learning without a teacher, Educational Research Series, n. 3, Toronto:
Ontario Institute for Studies in Education.
Herunterladen
Explore flashcards